info@simonepresciutti.com




Fra Diavolo

Svejete popolo nun je da retta
Arza sto grugno e datte a la macchia
Questo lo penso se penso a Michele Arcangelo Pezza
Detto “Fra Diavolo” brigante de razza
E nun te spiego perché nun c’ho tempo
Perché nun vivo quanno me lamento
Lassame ancora ‘n mezzo ar sole
Come ‘na glipera avvelenata
Co sti re co ste guardie
co sti governi de buffoni
che ce rubbeno la vita
glipera avvelenata
da la vita

Svejete popolo usa a testa
Smorza a televisione che er puzzo t’appesta
Questo lo pensa er brigante mentre s’apposta
Dietro c’ha er sole e l’ombra j’abbasta
E m’annisconno e aspetto fra le fratte
E quanno è freddo sverno ne le grotte
E chi ha rubbato ha da pagà
Perché la vita che m’hanno dato è una
E nun la posso sprecà a sta crede a un dio farso
Ar fato o a la fortuna
Perché è la vita che m’hanno dato
E piuttosto contro ste carogne
Vojo morì ammazzato

Svejete popolo nun je da retta
Arza sto grugno e datte a la macchia
Questo lo penso se penso a Michele Arcangelo Pezza
Detto “Fra Diavolo” brigante de razza
E nun te spiego perché nun c’ho tempo
Perché nun vivo quanno me lamento
Lassame ancora ‘n mezzo ar sole
Come ‘na glipera avvelenata
Co sti re co ste guardie
co sti governi de buffoni
che ce rubbeno la vita
glipera avvelenata
da la vita

Svejete popolo usa a testa
Smorza a televisione che er puzzo t’appesta
Questo lo pensa er brigante mentre s’apposta
Dietro c’ha er sole e l’ombra j’abbasta
E m’annisconno e aspetto fra le fratte
E quanno è freddo sverno ne le grotte
E chi ha rubbato ha da pagà
Perché la vita che m’hanno dato è una
E nun la posso sprecà a sta crede a un dio farso
Ar fato o a la fortuna
Perché è la vita che m’hanno dato
E piuttosto contro ste carogne
Vojo morì ammazzato